Covid Usa, "con vaccino da giugno si sarebbero evitati 90mila morti": lo studio

·1 minuto per la lettura

Sono 90mila i decessi per Covid registrati negli Stati Uniti tra giugno e settembre che si sarebbero potuti evitati se i pazienti si fossero vaccinati. E' quanto riporta l'analisi pubblicata dalla Kaiser Family Foundation secondo la quale il Covid è stata la seconda principale causa di morte nel Paese il mese scorso, dopo i problemi cardiaci.

Nel rapporto si registra che a settembre infatti sono stati 49mila i decessi per Covid,.Ed è la causa principale di morte nel gruppo di età tra i 35-54 anni, in cui si registrano livelli di vaccinazione più bassi che tra gli anziani. "Il Covid è stata la causa di morte per le persone di questo gruppo di età in agosto e settembre più di quanto lo sia stata nei mesi precedenti, nonostante siano disponibili i vaccini", si legge nello studio che conclude che la "stragrande maggioranza dei ricoveri e decessi per Covid continuano ad essere prevenibili".

Il Covid è stato la principale causa di morte negli Usa all'inizio del 2021 durante l'ondata invernale, ma poi, con i vaccini, era sceso al numero sette a luglio. Con il diffondersi della variante delta - e con 60-70 milioni di americani ancora non vaccinati - i numeri di contagi e decessi sono tornati a salire alla fine dell'estete.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli