Covid: vaccini 'importanti' per 84,8% italiani, più di media Ue

featured 1673261
featured 1673261

Bruxelles, 21 nov. (AdnKronos Salute) – I vaccini contro Covid-19 sono "importanti" per l'84,8% degli italiani, molto più della media Ue che è del 78,4%. E' uno dei dati che emergono dal rapporto della Commissione europea sullo stato della fiducia nei vaccini nell'Unione nel 2022, pubblicato oggi. La fiducia nei vaccini in generale, non solo quelli anti-Covid per i quali nel 2018 e nel 2020 non c'erano dati poiché ancora non esistevano, nell'Ue a 27 è andata calando: sui 25.143 sondati, solo l'81,5% ritiene che i vaccini siano importanti, in calo dal 91,8% del 2020 e dall'89,6% del 2018.

Per gli italiani i vaccini Covid-19 sono anche sicuri (81,3% nel pubblico indistinto) ed efficaci contro la malattia (82,9%); sono efficaci contro la trasmissione solo per il 73,7% e contro il contagio per il 76,2%. Sono compatibili con le convinzioni religiose per l'84,3% degli abitanti del Bel Paese. Tra i professionisti della sanità, il 99,8% in Italia raccomanderebbe il vaccino anti-Covid ai pazienti e il 93,9% lo consiglierebbe a una donna incinta.

Complessivamente, considerando i vaccini in generale e non solo quelli contro Covid-19, gli italiani sono diventati più consapevoli, relativamente al resto dell'Europa, della rilevanza di questi farmaci: mentre nel 2018 e nel 2020 il Paese era sesto in Ue per fiducia nei vaccini, nel 2022 è quarto, con il 61,8% che ritiene questi rimedi importanti, sicuri, efficaci e compatibili con le convinzioni religiose. Superano l'Italia solo Portogallo (75,3%), Spagna (70,6%) e Irlanda (63,7%). La Germania è solo al 58,9%, la Francia addirittura al 46,8% (la peggiore è la Lettonia, al 29,1%). La consapevolezza del fatto che i vaccini sono importanti, tuttavia, è calata anche in Italia, dal 92% del 2018 all'84,8% del 2022.