Covid, vaccino Pfizer-BionTech efficace al 90%

webinfo@adnkronos.com
·2 minuto per la lettura

Il candidato vaccino Pfizer-BionTech ha un'efficacia del 90% nel proteggere da Sars-Cov-2, secondo i primi dati di Fase 3 analizzati da un Comitato indipendente che si è riunito ieri, si legge sul 'Washington Post'. L'annuncio arriva, dunque, dopo che la corsa per la Casa Bianca si è chiusa con la vittoria di Biden.

"Direi che è un momento storico - commenta Kathrin Jansen, capo della Ricerca e sviluppo sui vaccini in Pfizer - Qualcosa del genere non è mai successo prima. Il mondo ha dovuto affrontare una situazione così terribile, la pandemia, ed essere in grado in così poco tempo di fare ciò che di solito richiede molti anni". Ma soprattutto, racconta Jansen in un'intervista, "sentire che all'analisi ad interim abbiamo raggiunto un'efficacia di oltre il 90%, è stato quasi sbalorditivo".

Pfizer e BionTech puntano a 50 mln dosi entro anno

Nel trial che ha coinvolto 44mila volontari, ci sono stati ad ora 94 casi di Covid-19: circa 9 di questi casi si sono verificati in persone che avevano ricevuto due dosi di vaccino, "un forte segnale di efficacia". I dati non sono stati ancora pubblicati. Non sono emerse, secondo il Comitato indipendente, particolari questioni riguardanti la sicurezza: gli effetti collaterali sono il dolore nel punto dell'iniezione, fatica e febbre, più frequenti tra i più giovani.

Pfizer e l'azienda biotech tedesca puntano a presentare la richiesta di autorizzazione di emergenza alla Fda, l'agenzia dei farmaci Usa, dopo la terza settimana di novembre, quando avranno a disposizione i dati di sicurezza, dopo 2 mesi di follow-up, sulla metà dei partecipanti al trial, oltre ai dati del processo di produzione. La sperimentazione proseguirà fino a raggiungere i 164 casi di Covid-19, che dovrebbe avvenire in poche settimane.

Forti dei primi dati di fase 3 Pfizer e BionTech stanno lavorando h24 per aumentare la produzione, con l'ambizioso obiettivo di avere 50 milioni di dosi, sufficienti per 25 milioni di persone visto che la somministrazione prevede 2 dosi, entro la fine dell'anno e 1,3 miliardi di dosi nel 2021.