Covid, Vaia: "Ampliare obbligo vaccinale, terza dose dopo 5 mesi"

·1 minuto per la lettura

Per contrastare il coronavirus in Italia, ''noi dobbiamo ampliare l'obbligo vaccinale, se lo facciamo sono certo che avremo un Natale sereno''. Lo ha detto il direttore sanitario dell'Inmi Spallanzani di Roma, Francesco Vaia, a 'Stasera Italia' su Rete4. ''Io ad esempio sono per l'obbligo vaccinale del personale scolastico'', ha aggiunto e più in generale ''per l'obbligo vaccinale di tutte le persone che hanno rapporti con i bambini''.

''Andiamo a vaccinarci già dal quinto mese per la terza dose, noi nel Lazio vaccineremo dal quinto mese e vaccineremo già le forze dell'ordine, cioè coloro che sono a contatto con il pubblico'', ha poi aggiunto Vaia.

E ancora: ''Proteggiamo i nostri bambini e vacciniamoci. I genitori si devono vaccinare e coloro che sono intorno ai bambini si devono vaccinare e creare una bolla negativa, anche perché adesso non sappiamo molto sul long covid nei nostri bambini''.

''Quando Ema e Aifa nella loro saggezza valuteranno'' il vaccino sui bambini "noi valuteremo a che punto saremmo arrivati della pandemia'', ha aggiunto. ''Se un bambino è dipendente dai suoi genitori e dai nonni che lo accompagnano a scuola e va da un ambiente vaccinato a un altro ambiente vaccinato, quindi un ambiente protetto, non dovrebbe contagiarsi'', ha chiarito. ''Io direi inoltre di verificare con una sperimentazione quanti bambini si sono contagiati e se sono stati o meno asintomatici'', ha spiegato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli