Covid, Vaia: "No vax e loro fake news non mi preoccupano"

·1 minuto per la lettura

"Non mi preoccupano i no vax o le loro fake news". Francesco Vaia, direttore dell'Inmi Spallanzani di Roma, all'Adnkronos Salute commenta così l'escalation di manifestazioni e proteste dei no-vax e no-Green pass degli ultimi giorni. Il direttore Vaia è tra gli esperti che sui social sono finiti nel mirino degli insulti di chi non crede al vaccino anti-Covid.

"Quello che da tempo mi preoccupa è che vadano in armonia tre azioni: quelle individuali dei cittadini e la risposta di oggi della partecipazione alla campagna vaccinale, fatta salva la quota dei 50-60enni, ci conforta - aggiunge - Un'altra azione è la risposta della scienza che deve essere sempre più pronta ed innovativa ma sempre più libera dagli interessi economici e geopolitici; infine, che il decisione politico intervenga con energia sui nodi strutturali, la scuola innanzitutto, poi i trasporti e il tempo libero".

"I dati sconfiggono i profeti di sciagura ma ora occorre mettere mano per davvero alle cose da fare per evitare il contagio - rimarca Vaia - Ad esempio, il problema del distanziamento nei luoghi chiusi - avverte Vaia - Come lo risolviamo? Il problema del condizionamento dell'aria c’è e da tempo, che azioni mettiamo in campo? Quali risorse? Sono davvero le priorità? Ecco questo mi preoccupa davvero. E non voglio più tornare alle chiusure per evitare le quali la politica deve fare il possibile e l’impossibile".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli