Covid, "varianti potrebbero ridurre efficacia vaccini"

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·1 minuto per la lettura

"Le varianti potrebbero cambiare l'ordine di efficacia dei vaccini nei confronti del virus, noi oggi sappiamo che i vaccini Pfizer e Moderna sono efficaci al 95% contro il virus originale. Ma è possibile che questi numeri diventino diversi per alcune variati. Quindi è bene studiarle e modificare questi vaccini per renderli più potenti". Lo afferma il virologo Guido Silvestri, docente alla Emory University di Atlanta, ospite di 'Radio Anch'io' su RadioRai1.

"Il virus varia, lo sapevamo fin dall'inizio della pandemia, ma molte di queste variazioni non hanno nessun effetto dal punto di vista clinico sono neutre - ricorda il virologo - poi occasionalmente si verificano le mutazioni che creano le varianti. Il virus per la sua funzione di infettare usa la proteina 'spike' che deve legarsi alla molecola umana Ace2: una specie di legame chiave-serratura, il virus può cambiare chiave ma non troppo altrimenti non aprirebbe più la serratura".