Covid Veneto, 3815 nuovi casi. Zaia: "Non è come marzo"

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

"Oltre due milioni di tamponi fatti da inizio emergenza in Veneto, quasi 20mila nelle ultime 24 ore e 3815 positivi in più". Sono i dati del bollettino di oggi in Veneto resi noti dal governatore Luca Zaia nel corso dell'ultima conferenza, questa mattina. "Poco meno di 18mila le persone in isolamento, 1410 i ricoverati, 109 nelle ultime 24 ore, 186 in terapia intensiva, 12 in più rispetto a ieri. Hanno invece perso la vita a causa del Coronavirus 2.568 persone, 25 nelle ultime 24 ore".

"Si sta crescendo, non siamo ancora alle punte di marzo - rassicura il presidente del Veneto - Oggi, infatti, rispetto ai tamponi che facciamo, troviamo il 50% di positivi in meno rispetto all'inizio della prima ondata di pandemia. Il numero assoluto è grande, perché facciamo tanti tamponi, in proporzione abbiamo la metà dei positivi. La lettura indiretta di questo dato, d'altronde, ci viene dagli ospedali: se il numero dei positivi fosse proporzionale a ricoveri e terapie intensive oggi dovremmo essere al collasso. Stiamo andando verso la metà di questo percorso, queste curve durano mediamente 90 giorni, e se consideriamo che questa seconda fase è iniziata i primi di ottobre, sappiamo che in questo momento ci stiamo avviando a metà del percorso. I prossimi giorni saranno ancora di ascesa, speriamo non ci siano novità".