**Covid: Vignarca (Rete Disarmo), ‘Figliuolo? Non si è investito su sanità e ora servono i militari’**

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 24 apr. (Adnkronos) – “La divisa militare indossata dal generale Figliuolo è un aspetto marginale, quello che secondo noi non serve è la metafora della guerra, dell’emergenza contro un nemico. Il problema è che non si è investito sulla sanità territoriale e quindi abbiamo dovuto chiamare i militari”. Lo afferma all’Adnkronos Francesco Vignarca di ‘Rete Pace e Disarmo’, commentando le dichiarazioni del governatore della Campania Vincenzo De Luca sul commissario di governo per l'emergenza Covid-19, il generale Francesco Figliuolo.

“Va benissimo che chiunque metta la propria competenza al servizio del Paese per affrontare la pandemia, anche l’aiuto dei militari va bene, questa emergenza però ci ha dimostrato quanto sarebbe stato meglio investire risorse sulla sanità e sulla protezione civile invece di comprare armi – sottolinea – Questa emergenza dovrebbe insegnarci che occorre ripensare alla sanità pubblica, cambiare direzione di spesa, per pensare a medici, vaccini, mettere in piedi strutture. Il fatto che gli hub vaccinali siano gestiti anche da militari va bene – conclude Vignarca – ma ci fa capire che non abbiamo investito le risorse nella direzione giusta”, conclude.