**Covid: Vissani, 'ci prendono in giro? soluzione crisi ristoranti non è coprifuoco alle 24'**

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 7 giu. (Adnkronos) – “Cosa cambia fra un coprifuoco alle 23 o alle 24 o all’una del mattino? Per me ci stanno prendendo in giro. Come se questa fosse la soluzione!”. Non le manda a dire Gianfranco Vissani sul fatto che da oggi è possibile uscire e restare fuori di casa, e dunque fermarsi a mangiare con più calma nei ristoranti, fino a mezzanotte nelle zone bianche. Parlando con l’Adnkronos, lo chef di Casa Vissani di Baschi, in Umbria, rincara addirittura la dose, domandandosi se “questi che decidono vogliono far saltare l’Italia”. Il perché di tanta preoccupazione? E’ nel fatto che “la vera soluzione sta nei ristori, che non sono ancora arrivati e senza i quali non si può andare avanti”.

“Ho sentito dire – aggiunge Vissani – che addirittura vogliono aumentare le tasse, in un paese che non ce la fa a pagare quelle attuali. Dove i cuochi e i camerieri fuggono all’estero, perché qui non ce la facciamo più a versare loro gli stipendi, altro che tasse, e quindi se ne vanno in Paesi dove perlomeno viene loro garantita una retribuzione”. In Italia, prosegue il cuoco, i ristoratori non hanno soldi per fare la spesa, per riempire il magazzino e poi la gente non viene, la crisi coinvolge anche i clienti, che al massimo vanno ogni tanto nei ristoranti a 30 euro”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli