**Covid: Vissani, 'mangiare fuori al freddo? fatta la legge trovato l'inganno'**

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 27 apr. (Adnkronos) – “Fatta la legge, trovato l’inganno. Troppo facile così. Gli altri ristoratori dicono che ieri hanno lavorato, ma io preferisco aspettare ancora: qui fanno tre gradi, non si può mangiare all’aperto”. A Gianfranco Vissani la soluzione dei gazebo, adottata in alcuni ristoranti, non piace, “è improponibile – dice all’Adnkronos – La lascio agli altri, anzitutto perché non si può fare, non sì può chiudere su tre lati anche se lo spazio è fuori dal ristorante. E poi, qui da me, per le mie esigenze, dovrei ricoprire una 'sala da ballo' e sarebbe troppo costoso, fra pareti di vetro e riscaldamento”.

“Aspetto, aspetto ancora, meglio così – prosegue lo chef, che a Baschi, in Umbria, gestisce Casa Vissani – Nel frattempo aprono i cinema, ma non sono al chiuso o mi sbaglio? L’unica soluzione – conclude – è quella di vaccinare tutti a tappeto, come hanno fatto nel Regno Unito. Io aspetto, tanto, con il coprifuoco alle 22, dubito che fra i piccoli comuni la gente si sposti per andare al ristorante”.