Covid, von den Leyen presenta l’incubatore sanitario Hera

·1 minuto per la lettura
Covid, von den Leyen presenta l’incubatore sanitario Hera
Covid, von den Leyen presenta l’incubatore sanitario Hera

Roma, 17 feb. (askanews) – “Oggi presentiamo la nuova tappa della lotta al coronavirus“: così Ursula von den Leyen ha presentato l’incubatore Hera, Health Emergency and Response Authority, un nuovo organismo pubblico e privato che unisce agenzie nazionali e centri di ricerca per formare la nuova agenzia Ue per le emergenze sanitarie.

Lo scopo, ha spiega la presidente, è usare le nostre forze combinate per trovare le nuove varianti e progettare vaccini di seconda e terza generazione.

Cinque le proprietà: uno, sequenziare i virus e le loro varianti. Due, adattare se necessario i vaccini; tre, organizzare i test per avere in fretta dati sull’efficacia, e von den Leyen ha annunciato anche la nascita di una rete europea per i test clinici. Quarta priorità, organizzare l’approvazione rapida dei nuovi vaccini di nuova generazione, se saranno necessari; e infine, organizzare un ulteriore aumento della produzione dei vaccini esistenti e futuri.

Von den Leyen ha ricordato anche che fin qui sono arrivati in Ue 33 milioni di dosi dei tre vaccini autorizzati, che 22 milioni di prime dosi sono state somministrate e che 7 milioni di cittadini sono coperti anche con una seconda dose. Inoltre altri vaccini sono in fase di approvazione all’EMA. Ma, ha detto, tempo e organizzazione sono essenziali per aumentare la rapidità della risposta, anche per l’emersione delle nuove varianti che, sebbene i vaccini approvati in Europa sembrino finora essere efficaci, sono più contagiose, e quindi potrebbero portare a ulteriori variazioni.