Covid: Wu (Uniic), 'su origine virus, scienza deve fare sua strada, no a benzina sul fuoco'

·2 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Milano, 27 mag.(Adnkronos) – "In un mondo in cui tutti siamo chiamati a collaborare su temi strategici per il futuro della Terra, uno su tutti l'ambiente, è inutile gettare benzina sul fuoco. La scienza deve fare la sua strada, poi se ci sono aspetti politici, ognuno è libero di pensarla come crede". Così Francesco Wu, presidente onorario dell'Uniic, Unione imprenditori Italia-Cina di Milano, commenta all'Adnkronos la decisione di Joe Biden di ordinare all'intelligence la consegna "entro 90 giorni di un rapporto con la richiesta di indagare per arrivare "a una conclusione definitiva" sulle origini del coronavirus.

Su questa vicenda, spiega Wu, "riteniamo che la scienza debba fare la sua strada, anche se più che una indagine, questa sembra una questione politica". E "in un momento in cui esistono attriti a livello internazionale, troviamo inutile gettare benzina sul fuoco". Del resto "noi ci atteniamo al resoconto dell'Oms, dal quale è emerso che è molto improbabile che il virus possa essere uscito dai laboratori". Tra l'altro "ieri anche Anthony Fauci ha chiarito la sua posizione, spiegando che non è cambiata rispetto al passato, quando sosteneva di ritenere che l'origine in natura sia quella più probabile". E "questa, secondo me è la posizione condivisa dalla maggior parte degli scienziati. Bisogna attenerci a questo, anche perché fare della fantapolitica senza avere degli elementi concreti potrebbe produrre effetti ancora peggiori".

"Riconoscere un organismo internazionale, al di sopra delle parti, ci sembra la scelta più saggia e logica -sottolinea Wu-. Istituzioni come l'Oms sono universalmente riconosciuti e il loro parere aiuta a togliere qualunque tipo di dubbio, sia che venga da una parte o dall'altra. Io, poi, credo nella scienza e mi fido degli esperti. Ognuno può pensarla come vuole, ma se è vero che la scienza non è democratica e distingue fatti dalle opinioni, nel dubbio, io preferisco ascoltare il parere degli scienziati".