Covid: Xi'an in lockdown da 10 giorni torna al baratto

·1 minuto per la lettura
(Photo credit should read Cang Hai / Costfoto/Future Publishing via Getty Images)
(Photo credit should read Cang Hai / Costfoto/Future Publishing via Getty Images)

Sigarette in cambio di lattuga, detersivo per i piatti al posto delle mele e persino un tablet per un po' di riso. E’ ciò che accade nella metropoli cinese di Xi'an, in lockdown da 10 giorni per un focolaio di Covid.

Come riporta la Bbc, i suoi 13 milioni di abitanti, alle prese con la carenza di cibo, hanno deciso di ricorrere al baratto.

I video postati su Wiebo, il sito di microblogging più popolare in Cina, mostrano gli scambi di beni avvenuti negli ultimi giorni. "I cittadini sono tornati all'era del baratto: le patate vengono scambiate con i cotton fiocc", ha scritto un utente di Weibo, mentre un altro ha descritto la situazione come un "ritorno alla società primitiva".

"Le persone non hanno più da mangiare qui e hanno iniziato a fare baratti con i loro vicini", ha spiegato un abitante della metropoli a Radio Free Asia.

Le autorità della città hanno fornito cibo gratuito alle famiglie, ma alcune persone hanno denunciato che le loro scorte si stanno esaurendo o che non hanno ancora ricevuto aiuti.

GUARDA ANCHE: Cina: lockdown per i 13 milioni di abitanti di Xi'an

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli