Covid, Zaia: bisogna cambiare approccio alla pandemia

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Venezia, 25 gen. (askanews) - "Oggi le Regioni hanno preso una posizione forte rispetto alla situazione del Covid. Bisogna cambiare approccio di fronte a un cambio totale di scenario. E' in corso di predisposizione un documento da inviare al Ministro Speranza". Lo ha detto il Presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, al termine di un incontro tra i Presidenti delle Regioni italiane, conclusosi poco fa a Roma e incentrato sui temi della pandemia.

"Bisogna applicare - ha proseguito Zaia - le direttive dell'Ecdc europeo, e quindi pensare di concentrarci solo sui soggetti sintomatici rispetto alle regole da seguire e di togliere la suddivisone della Regioni in colori, naturalmente mantenendo il monitoraggio sull'andamento dei posti letto in area medica e in terapia intensiva".

"Rispetto alle scuole - ha aggiunto il Presidente del Veneto - bisogna fare in modo che vadano in isolamento solo i ragazzi positivi sintomatici e che gli altri restino a scuola".

"Il principio generale - ha concluso Zaia - è quello della semplificazione dell'approccio prendendo atto della mutata realtà, che ci dice, ad esempio, che il contact tracing è saltato, perchè con 20.000 positivi al giorno in una Regione ci sono 200.000 persone da contattare. E' evidente che il modello attuale non funziona, come si è visto con il caos tamponi che non ha assolutamente risolto il problema".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli