Covid: Zaia, 'non si considerino più 'casi' gli asintomatici, Cts valuti classificazione Ecdc'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 14 gen. (Adnkronos) – "Oggi perché un soggetto sia classificato come caso Covid è sufficiente che risulti positivo ad un tampone. Dall'Ecdc (Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie – ndr), che è il punto di riferimento europeo in questa materia, ci viene proposta un'altra soluzione. Le condizioni devono essere due. Avere una malattia respiratoria o una sindrome influenzale e, sottolineo e, essere positivo ad un tampone. Si ha un caso Covid solo se ci sono entrambe le condizioni. Ciò significa che non dobbiamo più considerare gli asintomatici e concentrarci su chi sta davvero male". Lo dice il governatore del Vento Luca Zaia intervistato sul Corriere della Sera ed aggiunge: "Chiedo al Comitato tecnico scientifico di valutare se sia possibile introdurre anche in Italia questa classificazione" ed al fatto che l'Ecdc "da tempo sostiene che di fronte alla forte circolazione del virus bisogna far ricorso ai tamponi fai da te", utilizzati già in Germania, Inghilterra e Francia dove sono consegnati addirittura ai ragazzi che vanno a scuola.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli