Covid, Zangrillo: "Ultima volta in tv, più utile vicino a malati"

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

"E' l'ultima volta che mi vedrete sul piccolo schermo: sono molto più utile a fianco di un malato che non di fronte a una telecamera". Così Alberto Zangrillo, medico personale di Silvio Berlusconi e primario del reparto Anestesia e rianimazione del San Raffaele di Milano, durante la registrazione de 'La Confessione', il programma condotto da Peter Gomez sul Nove, in onda questa sera alle 22.45.

"Lascio questo posto, lascio questo spazio ad altri che sono più bravi di me a comunicare, mi dimentico di tutti, ma non mi voglio dimenticare dei miei malati", ha concluso il Prorettore dell'Università milanese Vita e Salute.