Covid, Zingaretti: "Cure e vite a rischio per egoisti no vax"

·1 minuto per la lettura

"Il danno di vite, economico e di qualità della cura è immenso e a questo punto non solo per colpa del virus, ma soprattutto per responsabilità di tanti egoisti non vaccinati". Lo scrive su Facebook il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti ad un anno dall'inizio della campagna di vaccinazione contro il covid.

"Il 27 dicembre di un anno fa iniziava la campagna vaccinale. Abbiamo rispettato gli obiettivi e i risultati del vaccino si vedono. Basti un dato: i deceduti per covid sono l’80% in meno rispetto a un anno fa. Ma gli ospedali sono affollati e stiamo ritardando le altre cure ad altri cittadini a causa delle persone non vaccinate", scrive il governatore.

"Questa cruda verità va detta, perché il nostro compito è difendere l’interesse generale della nostra comunità. Il danno di vite, economico e di qualità della cura è immenso e a questo punto non solo per colpa del virus, ma soprattutto per responsabilità di tanti egoisti non vaccinati", afferma. Zingaretti

"Un enorme grazie a tutto il personale - prosegue - che ha consentito gli ottimi risultati della campagna vaccinale nella nostra regione e a tutte le cittadine e a tutti i cittadini che hanno scelto la sicurezza propria e della collettività. Ora avanti con le prime dosi e con il completamento del ciclo vaccinale per chi l’ha già iniziato: non c’è altra strada per uscire dall’emergenza e riprenderci le nostre libertà".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli