Cracco lancia delivery approvato da nutrizionisti Gruppo S.Donato

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 7 gen. (askanews) - Lo chef stellato Carlo Cracco lancia un servizio di consegna di piatti pronti a domicilio preparati in collaborazione con Eat Alimentazione Sostenibile, programma di educazione alimentare della Gruppo San Donato Foundation. La nuova proposta culinaria, EATwithCracco, è da oggi disponibile per i milanesi. Si può scegliere tra risotti al salto con cozze e zucchine o con ragù di verdure, insalate con quinoa e amaranto, accompagnate da sgombro e ceci con un mix di verdure di stagione, ma anche torte salate, involtini di riso e infine i dolci, come la caprese di mandorle, l'intramontabile Sacher o una torta vegana al tè verde.

Un menu realizzato con 15 piatti nel quale le proposte della tradizione italiana si arricchiscono di ingredienti e materie prime selezionate e bilanciate dai nutrizionisti del Progetto Eat Alimentazione Sostenibile promosso dalla Gruppo San Donato Foundation. Il servizio delivery Cracco da circa un anno confeziona già e consegna ai milanesi un menu vario di piatti gustosi e originali, da oggi arricchito con le nuove ricette. Obiettivo dell'iniziativa è coniugare il sapore, con la qualità e il benessere, in modo accessibile a tutti per una pausa pranzo in ufficio, oppure per una cena in famiglia.

"Sono molto felice di aver collaborato con il team di professionisti Gsd per lo sviluppo di una nuova linea di ricette che rispettano la salute del nostro corpo, un tema a cui sono molto legato. Non dobbiamo dimenticarci che mangiare bene fa bene", ha affermato lo chef. Il progetto Eat Alimentazione Sostenibile è nato dieci anni fa come programma di educazione alimentare per le scuole. Il progetto è poi diventato un marchio di cibo salutare per tutti gli ambienti di vita, dalla famiglia alla scuola, dallì'ospedale ai luoghi di lavoro.

"Chi sceglierà questi piatti sarà accompagnato alla scoperta di sapori vegetali nuovi e salutari, ma con delicatezza e gradualità, introducendo ingredienti che possano da un lato stimolare la curiosità e dall'altro essere amici del benessere fisico e psicologico", afferma Stefano Erzegovesi, psichiatra e nutrizionista dell'Irccs Ospedale San Raffaele di Milano e membro del comitato scientifico di Eat Alimentazione Sostenibile.