Crea: agroalimentare in 2018 si conferma settore chiave -3-

Red/Apa

Roma, 21 gen. (askanews) - "Le analisi periodiche condotte dal CREA - ha dichiarato Roberto Henke, Direttore del CREA Politiche e Bioeconomia - restituiscono un'immagine del settore agricolo italiano in cui convivono importanti segnali di dinamismo, a fianco di alcuni problemi ancora aperti, nonostante i quali la nostra agricoltura appare collocata lungo un percorso evolutivo di straordinario interesse. Per il futuro sviluppo del settore, l'esigenza imprescindibile è quella di trovare, da un punto di vista programmatico, il migliore equilibrio tra il bisogno di preservare una tradizione produttiva consolidata e la necessità di superare le criticità irrisolte, attraverso le ineludibili spinte innovative provenienti dalla ricerca e dall'avanzamento tecnologico".

Nell'anno, come evidenziato dal Rapporto sul commercio estero 2018, ancora una volta è stato l'export a fare da traino, con un aumento delle esportazioni italiane di prodotti agroalimentari del +1,4% rispetto al 2017, superando i 41,6 miliardi di euro, a fronte di una riduzione delle importazioni del -2% rispetto al 2017, attestandosi a 43,7 miliardi. Questa dinamica ha reso possibile la contrazione del deficit della bilancia agroalimentare, che per la prima volta scende sotto i 2 miliardi. Il principale mercato di riferimento è l'Unione Europea con 2/3 delle nostre esportazioni e oltre il 70% delle importazioni, seguito da Nord America e Asia. L'83% delle esportazioni riguarda prodotti trasformati o bevande, mentre 1/3 delle importazioni è costituito da prodotti primari in larga parte destinati all'industria alimentare. I prodotti del Made in Italy rappresentano oltre il 73% delle esportazioni.

L'analisi dei primi nove mesi del 2019 evidenzia un'ottima performance delle esportazioni agroalimentari, con un aumento del 4,5% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente; tornano a crescere anche le importazioni agroalimentari (+1,4%). A trainare l'andamento positivo delle esportazioni, anche nel 2019, sono i prodotti trasformati e soprattutto le bevande, sia vino che altre bevande alcoliche e non alcoliche. Dal lato delle importazioni calano, invece, i flussi del settore dei trasformati. Il Nord America, principale mercato di destinazione Extra-UE, incrementa ulteriormente il proprio peso. I prodotti del Made in Italy, che rappresentano oltre il 73% delle esportazioni agroalimentari italiane, confermano il trend positivo. Molti dei principali prodotti, tra cui vino, prodotti da forno e formaggi, evidenziano, nell'intero periodo analizzato, tassi di crescita rilevanti.

"L'importanza dei mercati esteri per l'agroalimentare italiano - ha spiegato Roberto Solazzo, ricercatore CREA Politiche e Bioeconomia, responsabile del Rapporto sul commercio con l'estero dei prodotti agroalimentari italiani - trova conferma nel trend positivo delle esportazioni e nel netto calo del deficit della bilancia agroalimentare. I possibili effetti sugli scambi con l'estero dei recenti cambiamenti geopolitici e commerciali andranno monitorati e analizzati con attenzione, in particolare per le esportazioni dei prodotti del Made in Italy".