Nurri, nasce il primo Distretto Agroalimentare della Sardegna

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Cagliari, 2 feb. (askanews) - Nasce a Nurri, centro del Sarcidano in Sardegna, il primo Distretto Agroalimentare della Sardegna, approvato e finanziato dal Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali con risorse europee.

200 milioni di euro assegnati per il progetto da realizzare in cinque anni e che vede insieme la Cooperativa Unione Pastori di Nurri e il Parco Geominerario storico e ambientale della Sardegna.

Ma prevede anche partnership con le Università sarde e l'Ateneo di Perugia, Gambero Rosso, Cirio, Ferrero e il sostegno della Regione Sardegna.

Il progetto è ambizioso e affidato al brand 'Eccellenze agroalimentari e zootecniche dei parchi naturali della Sardegna'.

"il patrimonio da cui si parte - hanno detto il presidente della Coop. di Nurri e della neonata omonima Fondazione, Salvatore Pala, il presidente del Parco Geominerario, Tarcisio Agus, il consulente del Distretto, Pierpaolo Pani - sono i 560 soci della cooperativa di Nurri, con le loro imprese, le diverse realtà del mondo agricolo e zootecnico.

Ci sono poi gli 86 Comuni dell'area del Parco geominerario e tutti coloro che chiedono di entrare a far parte di questa nuova realtà".

Il progetto del Distretto parte dai settori tipici dell'agroalimentare - caseario, ortofrutticolo, cerealicolo, ma include anche la filiera della carne suina, bovina e ovina, quella dell'olio e del miele - e mette insieme l'ospitalità diffusa, la produzione delle energie rinnovabili, il comparto delle imprese artigiane, della ristorazione e del commercio.

Logisticamente, il cuore è il territorio su cui gravitano le imprese della Cooperative Unione pastori di Nurri, altri centri servizi vedranno la luce a Isili, Villacidro, Cagliari.

A Nurri l'attuale caseificio lascerà il posto ad un centro servizi di 30mila metri quadri, moderno e con spazi vendita, degustazioni, area per eventi e fiere, un centro di ricerca e uno di analisi, non più solo del latte ma della qualità del sottosuolo.

Le produzioni dei soci, sotto il marchio di 'eccellenze agroalimentari e zootecniche dei parchi naturali della Sardegna', avranno spazi appositi nei centri della grande distribuzione, in negozi che apriranno sul territorio regionale,

persino nelle miniere del Parco Geominerario, dove potranno essere conservati e messi in vetrina e proposti ai visitatori dell'inestimabile patrimonio culturale e turistico del parco.

Pochi giorni fa è arrivato il via libera al progetto, subito dopo la macchina della Fondazione Eccellenze agroalimentari e zootecniche dei parchi naturali della Sardegna si è messa in moto, con assemblee

e incontri con i soci e i soggetti che prenderanno parte, a vario titolo, alla realizzazione del programma del primo Distretto agroalimentare, che mira a creare occupazione per oltre 3mila persone nei cinque anni di avvio e a regime.