Cresce la rete dei musei del gusto e del mondo rurale in Emilia Romagna

·2 minuto per la lettura

BOLOGNA (ITALPRESS) - Del Parmigiano reggiano, del pomodoro e del gelato, ma anche del pane, della bonifica, della marineria e tanto altro ancora. I Musei del Gusto e del mondo Rurale dell'Emilia-Romagna sono un patrimonio culturale molto vasto e in continua espansione. La nuova pubblicazione, in italiano e in inglese, dedicata proprio al viaggio nel gusto e nella tradizione emiliano-romagnola, contiene ad oggi infatti 47 musei del Mondo rurale - 25 dei quali inseriti negli ultimi due anni - e 26 musei del Gusto - tre dei quali di nuova apertura- dislocati su tutto il territorio regionale e aperti al pubblico. "Musei unici che intrecciano le eccellenze enogastronomiche e le ricchezze del mondo rurale rendendole fruibili a tutti coloro che vogliono conoscere la bellezza della nostra regione- sottolineano gli assessori regionali all'Agricoltura e alla Cultura, Alessio Mammi e Mauro Felicori-. Visitare questi luoghi significa infatti scoprire da vicino un territorio ricco di suggestioni inaspettate, acquisire particolari strumenti di lettura dei paesaggi rurali, con la possibilità di degustare tutti quei prodotti di qualità che hanno reso la nostra regione famosa nel mondo". "Una ricchezza inestimabile in continua evoluzione- proseguono gli assessori- che testimonia l'interesse crescente per la nostra identità territoriale, la memoria contadina, le tradizioni e il tessuto socio-economico delle nostre campagne. Una rete diffusa di musei di cui andiamo molto fieri e che aspetta solo di accogliere tutti i visitatori nella grande tradizione alimentare dell'Emilia-Romagna". I 47 Musei del Mondo rurale rappresentano circa il 13% dell'intera realtà museale dell'Emilia-Romagna. Questi musei sono un vasto patrimonio etnografico di folklore e tradizione contadina. Luoghi ricchi di oggetti e testimonianze dove si manifesta il racconto di una lunga storia di lavoro e antichi mestieri, di migrazioni, bonifiche, trasformazioni di pratiche colturali, di caratteristiche e mutazioni della famiglia contadina. Una rinnovata attenzione si sviluppa anche verso gli aspetti della cultura immateriali quali canti, balli e spettacoli popolari come il teatro dei burattini.

Di più recente sviluppo i musei del Gusto sono luoghi strettamente connessi al mondo produttivo, in cui scoprire la dimensione culturale del cibo, osservare i metodi tradizionali di produzione dei prodotti tipici, con la possibilità anche di degustarli e acquistarli. Piccoli e grandi tesori alimentari famosi in tutto il mondo che, attraverso i racconti, guidano alla scoperta di una terra che da sempre coltiva il buono per produrre eccellenze enogastronomiche.

(ITALPRESS).

fil/mgg/com

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli