Crescono ancora i casi di Covid in Italia: +19.143. I morti sono 91, record di tamponi

·3 minuto per la lettura

AGI - Ulteriore impennata dei nuovi casi di Coronavirus in Italia: secondo il bollettino quotidiano del ministero della Salute, nelle ultime 24 ore se ne sono registrati 19.143 (a fronte del +16.079) di ieri, per un totale di 484.869. Nuovo picco però anche del numero dei tamponi: sono stati 182.032.

Novantuno i morti (ieri erano stati 136), per un totale di 37.059. Cresce anche la pressione sulle strutture ospedaliere: i pazienti in terapia intensiva sono 1.049 (57 in più di ieri), i ricoverati con sintomi 10.549 (+855). In isolamento domiciliare ci sono 174.404 persone (+15.788). Gli attualmente positivi sono saliti a 186.002 (+16.700), i dimessi/guariti 261.808 (+2.352). 

I 91 morti delle ultime 24 ore sono distribuiti tra Campania (12), Lazio (11), Sicilia (11), Emilia Romagna (10), Piemonte (9), Toscana (8), Lombardia (7), Veneto (7), Liguria (7), Umbria (3), Abruzzo (2), Marche (2), Puglia (1), Friuli Venezia Giulia (1).

Come ieri, sono sei le regioni con più di mille nuovi casi: Lombardia (4.916), Campania (2.280), Piemonte (2.032), Veneto (1.550), Lazio (1.389) e Toscana (1.290). Il numero totale dei tamponi effettuati e' 14.314.453, mentre i casi testati sono 8.679.107.

I dati del report settimanale

L'Italia risulta essere attualmente il 15esimo Paese al mondo per numero di contagi Covid, che ammontano a 465.726. Lo scorso marzo, invece, era il secondo Paese nel ranking mondiale. E' quanto emerge dal report settimanale del Commissario straordinario sull'emergenza Coronavirus.

Sono, inoltre, il 15% - su 6.628 ad oggi attivi - i posti letto occupati in terapia intensiva per casi Covid. Questa percentuale scende all'11% - si sottolinea nel report - con gli ulteriori 1.660 posti letto attivabili con i ventilatori già distribuiti alle Regioni.

Emerge inoltre che in Italia, dall'inizio dell'emergenza per il Coronavirus, sono stati eseguiti 14 milioni e 132.421 tamponi. Nella giornata di ieri, secondo quanto emerge dal report, la percentuale dei positivi al Covid 19 su 170.392 tamponi era del 9,4%, un dato in diminuzione rispetto alla giornata del 21 marzo scorso quando su soli 26.336 tamponi, la percentuale dei positivi era del 24,9%. Solo sette giorni fa, il 14 ottobre,la percentuale dei positivi era del 4,8%, su 152.196 tamponi effettuati.

I ricoverati negli ospedali italiani per Covid 19 sono dimezzati rispetto alla situazione che si registrava il 21 marzo scorso, in piena emergenza per la pandemia. Le terapie intensive per Covid 19 ieri erano 992, mentre il 21 marzo erano ben 2.857. Analoga diminuzione per i ricoverati per Coronavirus con sintomi: ieri erano 9.694, mentre lo scorso 21 marzo erano 17.770. Sono, invece, aumentati notevolmente i positivi al Covid 19 per i quali è stato disposto l'isolamento domiciliare: 158.616 nella giornata di ieri, mentre erano solo 22.116 lo scorso 21 marzo.  

In Italia vengono distribuite gratuitamente dal commissario straordinario per l'emergenza Covid 19 una media di oltre 5 milioni di mascherine al giorno. Più precisamente 5 milioni e 117.085 mascherine che sono consegnate quotidianamente alle Regioni e Province autonome per il personale sanitario e parasanitario, la Pubblica amministrazione, le forze dell'ordine, gli erogatori di servizi pubblici essenziali, le Rsa pubbliche e private, il trasporto pubblico locale e le polizie locali.Dall'inizio dell'emergenza sono state distribuite gratuitamente 893.201.909 mascherine, 28.307.500 nell'ultima settimana.

La media dei guanti distribuiti al giorno è di 260.601; oltre 40 milioni i guanti distribuiti dall'inizio della pandemia e solo nell'ultima settimana oltre 4 milioni. I camici e le tute protettive distribuite sono 58.974 di media al giorno; quasi 10 milioni dall'inizio dell'emergenza. I tamponi per test molecolari distribuiti sono stati 11.367.542 dall'inizio emergenza, mentre 11.530.000 i test molecolari, sierologici e antigenici. I ventilatori per Terapia Intensiva sono stati 3.109, mentre 1.429 i ventilatori distribuiti per terapie sub-intensive.