Crimea e Donbass, no di Zelensky a Russia

(Adnkronos) - La guerra in Ucraina con l'invasione da parte della Russia, il punto su negoziati e trattative, la situazione a Mariupol e nell'acciaieria Azovstal, le sanzioni, e poi la Crimea e il Donbass. Il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, risponde intervistato da Bruno Vespa per Porta a Porta in onda questa sera su Rai1.

Indipendenza della Crimea? “No, non è possibile e non la riconosceremo mai come parte della Federazione Russa” e “siamo pronti a parlare con la Russia, sì, ma adesso con la guerra questa questione dolente va lasciata da parte, se ostacola l’incontro tra i due presidenti" dice Zelensky.

Concedere una larga autonomia al Donbass? "Ma lì non è rimasto niente. Larga autonomia di cosa?”, i russi “hanno ucciso, distrutto e ora chiedono l’autonomia? Noi non riconosceremo mai l’autonomia” afferma il presidente ucraino.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli