Crimi: ogni anno in Italia scompaiono circa 1.000 persone -2-

Red/Cro/Bla

Roma, 13 nov. (askanews) - "Oggi le trasmissioni televisive dedicate alle persone scomparse - 'Chi l'ha visto?', ad esempio - sono molto seguite e svolgono un'importante funzione sociale. Tuttavia non possiamo delegare alla tv un ruolo tanto importante. È compito dello Stato affiancare i cittadini, i parenti e le associazioni di familiari coinvolti in questo drammatico fenomeno. Ed è ciò che in concreto stiamo facendo, attraverso l'Ufficio del Commissario straordinario del Governo per le persone scomparse. Con questa struttura lo Stato mette a disposizione delle famiglie risorse umane e strumenti in sostegno all'attività di ricerca e di condivisione delle informazioni. Una struttura esclusivamente preposta al coordinamento delle prefetture e delle forze dell'ordine responsabili delle indagini, all'analisi e all'elaborazione dei dati, al raccordo con enti e associazioni, organismi e istituzioni internazionali", prosegue Crimi.

"Quello delle persone scomparse è un tema che sta molto a cuore al nostro Governo. Non abbandoniamo le famiglie che attendono e sperano di ricongiungersi con i propri cari. L'obiettivo è importante e la causa necessita di tutto il sostegno che le nostre Istituzioni possono fornire", conclude.