Criminalità: in manette baby gang attiva nella Brianza -2-

Mlo

Milano, 23 lug. (askanews) - Gli indagati, prima di colpire, si riunivano nei pressi del centro commerciale di Vimercate per individuare le vittime, anch'esse minorenni, che una volta raggiunte dalla banda venivano accerchiate, minacciate con i coltelli, costringendole a consegnare denaro e cellulari. Rapine a volte molto violente, come avvenuto a Vimercate lo scorso 23 marzo, quando hanno aggredito a calci e pugni un coetaneo.

Nelle loro frequenti attività social, uno dei minorenni arrestati ha postato un video per intimorire le vittime, minacciando ritorsioni in caso di denunce presentate ai Carabinieri. Nel vortice di emulazione criminale, la banda di minorenni si era spinta al punto di intimare la consegna periodica di somme di denaro al responsabile di un Mac Donald's, che immediatamente ha esposto l'accaduto ai Carabinieri. Uno degli indagati, che ha preso parte attivamente a tutti gli episodi delittuosi, all'inizio dell'indagine aveva 13 anni e verrà quindi chiamato a rispondere solo per i reati commessi successivamente al compimento del quattordicesimo anno di età. Tre dei minorenni indagati sono stati arrestati e verranno associati presso l'Istituto Penale Minorile "Cesare Beccaria" di Milano; vengono mantenute attive le ricerche dell'ultimo componenti della banda, che non è stato rintracciato all'interno della sua abitazione.