Criminalità Roma, pentito: "Nessuno si mette contro i Casamonica" -2-

Nav

Roma, 14 gen. (askanews) - "I Casamonica si definivano mafiosi, parlando in strada a Porta Furba dicevano 'abbiamo le regole come i calabresi, siamo come gli 'ndranghetisti che hanno regole". Ha spiegato ancora Fazzari rispondendo alle domande del pm Giovanni Musarò.

"I Casamonica offrono prestiti, di solito chiedono il 20%, a me il 10% perché ero amico, si pattuisce il tempo per restituire il 20% mensilmente che sono solo gli interessi, puoi pagare anche per 10-20 anni finché non hai consegnato tutto il capitale, se salti un mese gli interessi aumentano, fanno come vogliono, lì poi sono botte, se hai un locale ti levano il locale, se hai una causati levano casa". Così ha detto il collaboratore di giustizia Massimiliano Fazzari nel corso del suo esame davanti ai giudici del tribunale di Roma. "Io ho ricevuto minacce, 'se non porti 'sti soldi finisce male' mi dicevano. Massimiliano una volta mi disse 'l'amicizia è amicizia, i soldi sono soldi'", ha continuato il 'pentito'.