Crimini di guerra in Ucraina, 40 paesi si riuniscono all'Aja

Crimini di guerra in Ucraina, 40 paesi si riuniscono all'Aja

Non lasciare impuniti i crimini di guerra russi in Ucraina. È questo l'obiettivo dei 40 paesi, che si sono riuniti a l'Aja per collaborare con la Corte internazionale di giustizia. Il tribunale con sede in Olanda non ha una sua polizia e quindi si appoggia a quella degli altri paesi per la ricerca delle prove e per eseguire gli arresti.

È solo facendo giustizia che possiamo aiutare le vittime e le loro famiglie. È un compito enorme, anche perché bisogna raccogliere le prove nel bel mezzo di una guerra. Richiede anche un sistema giudiziario ucraino stabile e forte. E c'è bisogno del vostro supporto. Ecco perché siamo qui oggi.

Solo nei tribunali ucraini si indaga su 20mila crimini, senza contare i fascicoli aperti all'estero e nella corte internazionale. Corte a cui non aderiscono né la Russia né l'Ucraina, che tuttavia ha consentito di indagare sui crimini commessi sul suo territorio. Anzi ha chiesto di perseguire i leader russi anche per l'invasione stessa.

Campi di "filtraggio" russi

L'agenzia France Presse ha anticipato un rapporto che sarà pubblicato dall'Ocse, in cui l'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico manifesta preoccupazione per il trattamento riservato da Mosca ai civili ucraini nei cosiddetti "campi di filtraggio" progettati per identificare coloro che sono sospettati di legami con le autorità di Kiev.

"Secondo i testimoni", questa procedura "comporta interrogatori brutali e perquisizioni umilianti", scrivono i tre autori di questo documento di 115 pagine consultato dall'Afp. Gli ucraini evacuati dalle città assediate, come il porto strategico di Mariupol, o coloro che lasciano i territori occupati dalle truppe russe sono costretti a transitare attraverso questi centri.

L'obiettivo è apparentemente quello di capire se le persone hanno combattuto dalla parte ucraina o hanno legami con il reggimento Azov o le autorità ucraine.

"Se è così, queste persone sono separate dalle altre e spesso semplicemente scompaiono", affermano gli esperti dell'Ocse, due dei quali si sono recati in Ucraina a giugno per completare il loro lavoro scritto sulla base di più fonti.

"Alcuni vengono trasferiti" nei territori autodichiarati separatisti di Lugansk e Donetsk, "dove vengono detenuti o addirittura uccisi", si legge nell'anticipazione del rapporto, "una pratica che suggerisce che la Russia utilizzi queste due entità per aggirare i suoi obblighi internazionali".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli