Criptovalute, nei guai Kim Kardashian. Ecco perché

·1 minuto per la lettura
(Photo by David Livingston/Getty Images)
(Photo by David Livingston/Getty Images)

Guai in arrivo per Kim Kardashian. L’ereditiera è stata accusata da alcuni investitori di aver promosso in maniera ingannevole la criptovaluta EthereumMax. Quando il prezzo è lievitato per la forte domanda, la Kardashian avrebbe venduto quelle di cui era in possesso per realizzare sostanziosi guadagni.

Invischiati nella stessa faccenda anche il pugile Floyd Mayweather e l’ex cestista Paul Fierce. Un’azione legale accusa tutte e tre le star di aver convinto i loro fan ad acquistare la valuta token per effettuare una forte speculazione economica.

GUARDA ANCHE: Le criptovalute sono illegali? Le parole di Paolo Savona, presidente Consob

La class action punta a rappresentare coloro che hanno acquistato i token fra il 14 maggio e il 27 giugno dello scorso anno e denuncia il modelli di business in cui EtherumMax ha cospirato con diverse celebrità per promuovere ingannevolmente la sua valuta.

GUARDA ANCHE: Met Gala, tutti gli occhi su Kim Kardashian: coperta di nero da testa ai piedi

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli