Crisanti: "in autunno in Italia come i mattatoi tedeschi"

·1 minuto per la lettura
Il mattatoio di Guetersloh, nel Nord Reno Westfalia, in Germania, dove si sono registrati oltre 1.500 casi di positività al coronavirus (Photo by Sascha Schuermann/Getty Images)
Il mattatoio di Guetersloh, nel Nord Reno Westfalia, in Germania, dove si sono registrati oltre 1.500 casi di positività al coronavirus (Photo by Sascha Schuermann/Getty Images)

"Non possiamo aspettarci che Sars Cov2 sparisca come la Sars, nel giro di un'estate, perché ci sono milioni di contagiati in tutti e cinque i continenti. È soltanto diventato meno probabile infettarsi in Italia in questo preciso momento ed è un effetto positivo del lockdown, delle mascherine e della distanza. E del caldo secco. Ma il nostro autunno sarà come i mattatoi tedeschi adesso, dove il virus, anche ora, sta facendo danni seri".

LEGGI ANCHE: Crisanti: "Ritorno di contagi da fuori è una certezza"

Ad affermarlo è Andrea Crisanti, direttore di Microbiologia e virologia dell`Università di Padova, in un'intervista a Il Fatto Quotidiano.

VIDEO - Chi è Andrea Crisanti?

LEGGI ANCHE: Coronavirus, perché si diffonde facilmente nei mattatoi

Secondo Crisanti, per evitare un'emergenza Covid occorrerà "aggredire sul nascere ogni singolo cluster. I contagi importati da Paesi in cui l`epidemia è fuori controllo sono molto pericolosi. Ne abbiamo avuto uno anche a Padova, una badante che ha infettato tutta la famiglia. E se non vengono individuati subito, l`Italia rischia di perdere tutto il lavoro fatto con il lockdown", ha affermato il virologo.

LEGGI ANCHE: Il virus è meno aggressivo? "Solo chiacchiere", dice Crisanti

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli