Crisanti: "Nel comitato tecnico scientifico mancano le menti migliori dell'università"

Linda Varlese
·Editor, HuffPost Italy
·1 minuto per la lettura
Andrea Crisanti during EKopark 2020 at Monselice, Padova, Italy on 26, August 2020. Andrea Crisanti is an Italian full professor of Microbiology at the University of Padua. He previously was professor of Molecular Parasitology at Imperial College London. He is best known for the development of genetically manipulated mosquitoes with the objective to interfere with either their reproductive rate or the capability to transmit diseases such as malaria.  (Photo by Massimo Bertolini/NurPhoto via Getty Images) (Photo: NurPhoto via Getty Images)
Andrea Crisanti during EKopark 2020 at Monselice, Padova, Italy on 26, August 2020. Andrea Crisanti is an Italian full professor of Microbiology at the University of Padua. He previously was professor of Molecular Parasitology at Imperial College London. He is best known for the development of genetically manipulated mosquitoes with the objective to interfere with either their reproductive rate or the capability to transmit diseases such as malaria. (Photo by Massimo Bertolini/NurPhoto via Getty Images) (Photo: NurPhoto via Getty Images)

“C’è a mio avviso un problema di Cts, non tanto nella composizione quanto nell’assenza. E’ possibile che in un comitato tecnico scientifico non ci siano le migliori menti dell’università italiana?”.

Lo ha detto il professor Andrea Crisanti, ospite di Lucia Annunziata a ‘Mezz’ora in più’ rispondendo a come mai non sia mai stato chiamato nel Cts sottolineando che comunque non ha mai cercato di entrare a farne parte.

“In assenza di vaccino e di terapia l’unico modo efficace per spegnere la trasmissione è quello di fare il test a tutte le persone coinvolte nell’interazione sociale della persona ammalata”. Per Crisanti fare 300-400 mila tamponi ”è ancora una cosa realistica se si fa l’investimento giusto, nel giro di due o tre mesi si può arrivare a questa capacità”.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.