Crisanti: "Ritorno di contagi da fuori è una certezza"

Andrea Crisanti (AP Photo/Alastair Grant)

"Per l'Italia, il rischio che nuovi contagi arrivino da fuori non è una possibilità, ma una certezza”. Lo ha precisato Andrea Crisanti, direttore del dipartimento di Medicina molecolare e virologica dell'Università di Padova, durante la trasmissione Agorà, su Rai 3. "Lo abbiamo di recente sperimentato a Padova, dove una badante è tornata da fuori l'Unione Europea e ha infettato tutta la famiglia", commenta il virologo.

LEGGI ANCHE: Arcuri: “Siamo molto più forti e attrezzati di tre mesi fa”

VIDEO - Chi è Andrea Crisanti?

Quanto agli studi secondo cui una mutazione del virus che lo abbia indebolito, prosegue, "non sono attendibili perché basati su osservazioni estemporanee e non su un esperimento. Per capire se è vero bisogna infettare un animale e vedere cosa succede, ma per ora non abbiamo un modello animale per capirlo". E' vero che le persone che si ammalano non si ammalano come prima, ma questo, ha ribadito, "avviene perché abbiamo mascherina e distanza che riducono la carica virale".

LEGGI ANCHE: Australia, allarme coronavirus: "Evitare viaggi a Melbourne"

Anche perché, se è vero che "il virus muta da noi, dovrebbe mutare anche in America e Germania, eppure vediamo una situazione di contagi che non lascia pensare questo".