Crisanti: "Sono stato troppo pessimista ma non mi pento"

·1 minuto per la lettura

"Sono stato troppo pessimista? Non mi pento". Il professor Andrea Crisanti temeva conseguenze estremamente negative dopo le riaperture decise dal governo lo scorso 26 aprile. I dati, a circa un mese di distanza, evidenziano una frenata dell'epidemia. "Magari sono stato troppo pessimista, ma non mi pento di aver detto che abbiamo corso un rischio inutile. La strada era stata ben tracciata dall’Inghilterra. Se lei chiede ad un medico di scegliere tra una procedura sicura e un rischio, credo lei vorrebbe sentirsi dire che si segue una procedura sicura. Questo vale a livello personale e a livello di società. Dopo 125mila morti, ogni vita conta. A maggior ragione visto che la fine del tunnel è vicina, non vedo il motivo di correre rischi inutili", dice il direttore del Dipartimento di medicina molecolare dell'università di Padova a Piazzapulita. La situazione migliora con l'aumento delle vaccinazioni. "La probabilità di infezione per una persona che ha ricevuto 2 dosi di vaccino è estremamente bassa. Ma è una probabilità che esiste. Inizieremo a toglierci la mascherina all'aperto quando il 60-70% di persone sarà vaccinata e la probabilità di infettare e infettarsi sarà molto bassa. E' importante vaccinare anche i minori, altrimenti non si arriva all'immunità di gregge", afferma ancora Crisanti, collegato da Londra.

"In Inghilterra c’è una prudenza estrema perché la seconda ondata ha avuto un impatto devastante, anche sulla politica e sulla scienza. Non vogliono mettere a repentaglio i risultati raggiunti, hanno un’attenzione maniacale nei confronti delle varianti e credo sia totalmente giustificato. C’è un focolaio di variante indiana in una zona e hanno mobilitato tutte le capacità di vaccinazione per intervenire in quell’area in 4-5 giorni", spiega.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli