Crisanti: "Virus morto? A Padova abbiamo il reparto covid pieno"

·2 minuto per la lettura
Luca Zaia
Luca Zaia

Andrea Crisanti, conosciuto per essere il genetista fautore del “Modello Veneto” si è detto pronto a lasciare il comitato tecnico scientifico regionale. Come spiega il Messaggero, il motivo sarebbe per una serie di vedute molto diverse tra lui e il presidente della giunta Luca Zaia. Crisanti, parlando dell’aumento di casi da coronavirus collegato alle riaperture e alle misure di contenimento allentate, ha dichiarato: “Questo è il risultato della scelta di Zaia di affidarsi a persone che dicono che il virus è morto. E intanto gli ospedali tornano a riempirsi”. Focolai in aumento, peraltro, anche sui posti di lavoro. Crisanti ha aggiunto: “Si sta dando colpa agli immigrati, ma ci sono anche tantissimi italiani contagiati”.

GUARDA ANCHE: Chi è Andrea Crisanti

Coronavirus, Crisanti: possibile addio a Zaia

Andrea Crisanti è adirato per il fatto che Zaia, a suo dire, si affidi a consiglieri che affermano che il virus sia morto. In realtà, il genetista ha spiegato che “noi a Padova, per Covid-19, abbiamo il reparto pieno”. Ha poi aggiunto: “Mi viene da ridere quando qualcuno dice che il virus ha perso forza”. Crisanti ha spiegato che se il covid-19 circolasse meno, raggiungerebbe i soggetti fragili più difficilmente. Nel caso in cui circolasse meno perderebbe anche la sua carica virale. Tuttavia, nel caso in cui tornassero ad aumentare i contagi, ha spiegato Zaia, tornerebbero anche i casi gravi.

Crisanti: “Politica ha prevalso su scienza”

Andrea Crisanti ha riferito al Messaggero: “A un certo punto le esigenze politiche hanno prevalso sulle indicazioni della scienza”. Per il genetista sarebbe stata opportuna una comunicazione che invitasse a prudenza e responsabilità. È mancato, sempre a detta di Crisanti, un metodo efficiente di contract tracing, che potesse rendere la regione Veneto un modello ideale da seguire. Ha poi aggiunto: “La sorveglianza attiva era un concetto che avevo proposto io. Ora la maggior parte dei tamponi è stata fatta solo tra il personale sanitario, tralasciando completamente il territorio”.

Leggi anche: Coronavirus, in Lombardia l’indice Rt supera la soglia: è a 1,14