Crisi: Cgia Mestre, da inizio anno 32 suicidi tra gli imprenditori

(ASCA) - Roma, 3 mag - Dopo l'ennesima tragedia verificatasi nei giorni scorsi in provincia di Treviso, dall'inizio dell'anno ad oggi sono 32 i suicidi che hanno colpito altrettanti imprenditori a livello nazionale. Questo il ''tristissimo conteggio, seppur approssimativo e ancora provvisorio'' realizzato dalla CGIA di Mestre. La Regione piu' colpita da questo dramma e' il Veneto: in questi primi 4 mesi del 2012, ben 10 piccoli imprenditori hanno deciso di togliersi la vita a seguito delle difficolta' economiche incontrate in questi ultimi anni di grave crisi economica. ''Le cause di queste tragedie? Difficile dare una risposta esaustiva - sottolinea la CGIA - tuttavia, la mancanza di liquidita' e' il denominatore comune che si riscontra in quasi tutti questi drammi: senza contare che molti imprenditori, a seguito del mancato pagamento da parte dei committenti, sono sprofondati nella crisi piu' profonda senza riuscire a risollevarsi''. Per questo la CGIA chiede ''cosi' come e' gia' stato fatto qualche settimana fa dalla Regione Veneto, di istituire a livello nazionale un fondo di solidarieta' per l'erogazione di mutui in favore di piccoli e medi imprenditori in chiara situazione di difficolta' economica e finanziaria e privi di accesso al credito bancario o ai quali sono stati revocati affidamenti da parte di banche o intermediari creditizi''.

Ricerca

Le notizie del giorno