Crisi chip, TSMC e Sony potrebbero costruire fabbrica in Giappone

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 8 ott. (askanews) - Il gigante dei chip taiwanese TSMC e quello giapponese Sony stanno valutando la possibilità di investire congiuntamente 800 miliardi di yen (6,2 miliardi di euro) per la costruzione di una fabbrica di chip in Giappone occidentale. Lo scrive oggi il Nikkei.

L'ipotesi si manifesta in un momento di profonda crisi di offerta del mercato dei semiconduttori, che ha portato diverse grandi compagnie, in particolare case automobilistiche, a rallentare la loro produzione.

La Sony potrebbe avere una quota di minoranza nella joint venture che dovrebbe gestire la fabbrica, che verrebbe realizzata nella provincia di Kumamoto, nell'isola meridionale del Kyushu.

L'impianto verrebbe collocato in prossimità di una fabbrica di sensori per fotocamere della Sony e quindi buona parte della produzione sarbebe destinata a questo centro produttivo.

Se realizzata, si tratterebbe della prima fabbrica di semiconduttori di TSMC in Giappone.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli