Crisi climatica, Costa: a Roma a fine primavera l'evento Africa

Gtu

Roma, 27 nov. (askanews) - L'Italia ospiterà la pre-Cop, la Conferenza delle parti della Conferenza sul clima 2020 (città da definire) probabilmente ad ottobre, nell'ambito della quale ci sarà per la prima volta la pre-Cop dei giovani, ma anche un altro evento di portata internazionale: rappresentanti di tutto il continente africano saranno a roma per parlare dei cambiamenti climatici e portare con un'unica voce le loro richieste.

Lo ha annunciato il ministro dell'Ambiente Sergio Costa illustrando le linee programmatiche del suo dicastero in Commissione Ambiente.

"In ambito internazionale, l'Italia ha riaffermato il proprio ruolo guida", ha sottolineato Costa, ricordando che ha ottenuto la pre-Cop della conferenza sul Clima del 2020, che "probabilmente si terrà in ottobre 2020, la città la stiamo negoziando".

"In più - ha ricordato - è stato costituito e inaugurato, il 28 gennaio scorso, il Centro per il clima e lo sviluppo sostenibile dell'Africa", e l'Italia è "l'unico paese extra continente africano ad averlo, tutto sovvenzionato dalle Nazioni unite". E "il continente africano che è anche il nostro dirimpettaio è il continente più aggredito dai cambiamenti climatici ma anche il meno responsabile di quei mutamenti e quindi rappresenta un fronte importante dove l'Italia diventa, con un ruolo istituzionalmente definito dalle Nazioni Unite, come il grande facilitatore". Ed "è una cosa molto importante, immaginate tutta la fascia del Sahel e tutto ciò che riguarda anche il percorso delle migrazioni climatiche ma non solo". (Segue)