Crisi dei chip, Samsung: rafforzeremo la nostra produzione

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 29 apr. (askanews) - Il gigante dell'elettronica sudcoreano Samsung Electronics ha detto oggi che intende rafforzare ulteriormente la sua capacità di fonderia dei chip, a fronte di una crisi di offerta di semiconduttori che sta provocando un impatto sulla produzione dei suoi prodotti di punta: smartphone, televisori, elettrodomestici.

Samsung è il secondo operatore al mondo come capacità di fonderia. Nella seconda metà del mese - ha comunicato Han Seung-hoon, vicepresidente alla divisione fonderia nellla conference call in cui ha comunicato i risultati del chaebol (conglomerato) sudcoreeano - verrà avviata la produzione di massa nella sua seconda linea di Pyeongtaek, a sud di Seoul, nella seconda metà di quest'anno.

Il gruppo sudcoreano ha iniziato la costruzione di questa linea produttiva in fretta e furia a maggio dell'anno scorso, per costruire chip da 7 e 5 nanometri basati sulla tecnologia ultravioletta, processori altamente avanzati necessari per prodotti come gli smartphone.

"Massimizzeremo la nostra capacità di fonderia operando sulla nostra linea di Pyeongtaek nella seocnda metà dell'anno, rispondendo a una domanda crescente", ha detto Han.

Il mondo dell'elettronica e dell'industria più in generale sta avendo problemi grossi per la carenza di chip causata dall'aumento improvviso della domanda collegato al Covid-19, dal conflitto commerciale Usa-Cina e da una serie di incidenti e fenomeni atmosferici che hanno fermato alcuni impianti importanti.

In particolare a essere colpito per primo è stato il comparto automotive, con alcune delle più grandi case automobilistiche costrette a interrompere la loro produzione.

La crisi ha costretto anche la Casa bianca a muoversi, mettendo sul tavolo 50 miliardi di dollari e sollecitando i principali produttori mondiali a rafforzare la produzione.

Diversi di questi hanno già promesso e stanno lavorando per farlo, ma anche alcune case automobilistiche hanno cominciato a lavorare per produrseli da soli.