Crisi di governo, Casellati: “se non c’è unanimità, decide l’Aula”

elisabetta casellati

Si è riunita in Senato la conferenza dei capigruppo: bisognerà prendere decisioni su tempi e modalità del dibattito sulle mozioni di sfiducia al premier Giuseppe Conte e a Matteo Salvini. Intanto, sempre nella giornata di lunedì 12 agosto 2019 si è svolto l’incontro tra i gruppi parlamentari del Partito Democratico e del Movimento 5 stelle. Si aspetta l’incontro tra Silvio Berlusconi e Salvini -e intanto Di Maio fa sapere che ci ha provato a dare fiducia alla Lega affinché potesse cambiare. Ma il leader del carroccio è tornato “all’ovile” -come Di Maio stesso ha dichiarato.

Crisi di governo: la dichiarazione di Elisabetta Casellati

Intanto sopraggiungono anche le parole della Presidente del Senato, Elisabetta Casellati: “La convocazione dell’Assemblea,nell’ipotesi in cui il calendario dei lavori non venga approvato in capigruppo all’unanimità, non costituisce forzatura alcuna, ma esclusivamente l’applicazione del regolamento. L’art. 55, comma 3 prevede infatti che sulle proposte di modifica del calendario decida esclusivamente l’Assemblea, che è sovrana. Non il Presidente, dunque. Il rispetto delle regole è a garanzia dei cittadini”.

C’è attesa e ci sono tanti possibili scenari. Matteo Renzi del Pd propone un governo “no tax” che prima di andare al voto però compia la manovra e faccia i tagli ai parlamentari. Tale proposta ha ricevuto delle risposte titubanti da parte di Mattarella: alcuni no, si e forse. Il segretario del Pd Nicola Zingaretti non sembra però essere affatto d’accordo a una proposta di governo Pd e M5s. La destra è anch’essa carica: Lega e Fratelli d’Italia viaggiano sulla stessa lunghezza d’onda e vogliono andare alle elezioni quanto prima. Anche Forza Italia vuole andare alle elezioni. Si mira a una futura alleanza di governo.