Crisi di governo, Giannulli: “Possibile maggioranza Pd-M5s”

Aldo Giannulli prefigura un'alleanza Pd-M5S

Governo tecnico, nuova maggioranza, elezioni. Sono questi gli scenari possibili dopo che nel governo si è definitivamente aperta una frattura incolmabile. Lo storico Aldo Giannulli apre ad una maggioranza Pd-M5S, che potrebbe nascere per evitare l’ascesa di Salvini

Nuova maggioranza Pd-M5S?

Da quando Salvini ha aperto la crisi, tutti i partiti chiedono a gran voce nuove elezioni. Anche Di Maio si dice pronto a tornare alle urne, pur dopo aver votato il taglio dei parlamentari. Solo parole sui social però, dato che dal punto di vista istituzionale è ancora tutto fermo. Nessun colloquio tra Conte e Mattarella in programma, né una data per riaprire le Camere.

Ma siamo sicuri che si torni al voto? Aldo Giannulli esprime dei dubbi sulla questione. “Intanto dobbiamo vedere Mattarella che intenzioni ha. Ci sono altre soluzioni, come la nascita di un governo tecnico-politico“, ha dichiarato ieri sera alla trasmissione Omnibus (La7).

Ha poi aggiunto: “Non fate l’errore che ogni tanto sento. Voi dite che il Pd non può aiutare Di Maio. Ma date per scontato che Di Maio e i Cinque stelle siano la stessa cosa. Invece non è così: se si va alle elezioni è probabile che ci sia un calo di leadership“. E ipotizza che il Movimento possa cambiare guida, sostituendo al(l’ormai ex) vicepremier la figura di Alessandro di Battista.

In questo modo i Democratici potrebbero sostenere un governo con Conte Presidente del Consiglio e Fico suo vice. “Converrebbe anche al Pd perché non è competitivo. La battaglia è impedire che Salvini abbia la maggioranza dei seggi. Quindi i due partiti potrebbero aiutarsi reciprocamente con questo comune obiettivo“.

Intanto, fino a comunicazione di Mattarella, tutte le soluzioni restano aperte.