Crisi Evergrande fa perdere a città di Shenzhen 675 milioni di euro

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 17 gen. (askanews) - La città di Shenzhen ha annunciato oggi in una comunicazione alla borsa di aver perso lo scorso anno 6 miliardi di dollari di Hong Kong (675 milioni di euro) a causa della crisi del gigante immobiliare Evergrande.

Shenzhen Investment, un fondo d'investimento di proprietà della metropoli della Cina meridionale che ospita la base di Evergrande, ha spiegato di essere andata in perdita a causa della sua partecipazione in Hengda Real Estate, una controllatas di Evergrande.

La perdita è stata principalmente "attribuibile alla perdita di valore dei titoli di Hengda Real Estate Group".

Evergrande è appesantita da un'esposizione debitoria-monstre da 264 miliardi di euro, 17 miliardi dei quali sono bond offshore. Il titolo nel 2021 ha perso qualcosa come il 90 per cento del suo valore.

La crisi del gigante immobiliare rischia di creare grossi grattacapi al settore finanziario cinese, in un momento in cui l'intero comparto immobiliare cinese si trova nel mezzo di una crisi di liquidità importante.

Due settimane fa Evergrande ha abbandonato il suo quartier generale a Shenzhen, in una delle operazioni di alienazione di asset con le quali il gruppo sta cercando di recuperare liquidità.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli