Crisi Evergrande, principale alleato ha venduto parte delle quote

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 17 set. (askanews) - Un ulteriore segnale sinistro sulla situazione del gruppo di sviluppo immobiliare cinese Evergrande, che ha un colossale indebitamento e rischia una bancarotta che potrebbe creare un effetto domino, è arrivato oggi quando si è appreso che due dei principali alleati del fondatore del gruppo - Joseph Lau e la moglie Chan Hoi-wan - hanno venduto 138 milioni di azioni della compagnia in diverse tornate per un totale di 500 milioni di dollari di Hong Kong (54,5 milioni di euro). Lo scrive oggi il South China Morning Post.

Il magnate Hui Ka-yan, fondatore di Evergrande, detiene il 70,7 per cento delle quote di Evergrande, mentre la coppia di alleati èscesa al 7,96 per cento, che comunque resta la seconda dopo quella di Hui.

La decisione di vendere è venuta dopo il crollo del prezzo di mercato delle azioni di Evergrande, che hanno perso lo scorso anno l'85 per cento del loro valore.

Il gruppo, nei giorni scorsi, ha ammesso in un comunicato alla Borsa di Hong Kong di avere gravi problemi di liquidità, con le vendite che sono andate peggio del previsto.

Evergrande siede su una montagna di debiti: qualcosa come 2mila miliardi di yuan (262,6 miliardi di euro) e ad agosto aveva segnalato di essere a rischio default. A pesare sulla compagnia anche il nuovo approccio regolatorio del governo cinese, che ha alzato la pressione sulle compagnie tech e immobiliari.

Il gruppo - che paga lo scotto anche di essersi fortemente allargato con una campagna di acquisizioni che l'ha portato anche in altri settori, come quello dell'auto elettrica - sta cercando di abbassare il livello d'indebitamento mettendo sul mercato alcuni asset. Recentemente si è anche parlato di una vendita in vista per il suo ramo auto elettrica.

La possibilità di ricorrere al finanziamento bancario, d'altro canto, è preclusa dalla Banca del popolo cinese - la banca centrale cinese - dopo che Evergrande ha superato tutte e tre le cosiddette "linee rosse" sull'affidabilità creditizia.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli