Crisi governo, attesa per Renzi al Quirinale

di Angelo Amante
·2 minuto per la lettura
Il leader di Italia Viva ed ex Primo Ministro Matteo Renzi

di Angelo Amante

ROMA (Reuters) - Il leader di Italia Viva Matteo Renzi incontrerà oggi il capo dello Stato, in un passaggio cruciale della crisi di governo che egli stesso ha innescato, e ci si aspetta che dica se è pronto o meno a sostenere un nuovo governo guidato da Giuseppe Conte.

L'ex premier ha ritirato i suoi ministri dal governo in piena pandemia, in contrasto con la gestione sia dell'emergenza coronavirus che della conseguente crisi economica. La dipartita di Iv ha fatto mancare a Conte la maggioranza assoluta in Senato, costringendolo dopo qualche giorno a dimettersi.

Il capo del partito centrista, accreditato dai sondaggi intorno al 3%, sarà ricevuto dal presidente Sergio Mattarella alle 17,30, seguito poi dalla delegazione del Pd.

Ieri Renzi ha definito "uno scandalo" il tentativo di Conte di sostituire Italia Viva con senatori presi dal centrodestra, ed è possibile che alla fine dica no a un terzo esecutivo guidato dall'avvocato.

In questo caso, le possibilità di Conte di ottenere un nuovo mandato diminuirebbero significativamente, anche se un rinnovato patto con Renzi potrebbe restare sul tavolo delle forze di maggioranza, M5s, Pd e Leu.

In un'intervista questa settimana al quotidiano La Stampa, il commissario europeo al Bilancio Johannes Hahn ha avvertito che le elezioni anticipate, l'estrema via d'uscita dalla crisi a disposizione di Mattarella, potrebbero distogliere la politica dai bisogni del Paese e si è augurato una soluzione rapida.

Conte, vicino ai pentastellati ma senza tessere di partito, avrebbe bisogno di accaparrarsi circa 10 voti per puntellare la sua coalizione in Senato. I suoi tentativi hanno finora incontrato poco successo.

Anche la nascita formale di un gruppo autonomo di "responsabili" a Palazzo Madama di fatto non amplia i consensi rispetto ai 156 voti dell'ultimo voto di fiducia, poiché i componenti avevano votato in favore di Conte già in quell'occasione.

Sia il Movimento 5 Stelle che il Pd hanno detto che chiederanno a Mattarella un nuovo mandato per Conte. Tuttavia, non possono garantirgli la maggioranza in entrambe le Camere.

Senza una maggioranza stabile, Mattarella potrebbe non dare un nuovo mandato a Conte e designare un altro candidato per formare un governo incaricato di gestire gli oltre 200 miliardi di euro che l'Italia si aspetta dal Recovery Fund europeo per il rilancio post pandemia.