Crisi governo, da sindaci-parlamentari Lega no a firma appello

(Adnkronos) - Cade nel vuoto l'appello dei primi cittadini per Draghi al governo tra i parlamentari-sindaci della Lega. "Firmare per una riedizione di governo con il M5S e con chi fa solo teatrini non ha molto senso", dice all'AdnKronos Alberto Stefani, deputato e primo cittadino di Borgoricco, in provincia di Padova. "Come sindaci del Veneto dobbiamo mobilitarci per un governo che difenda l'autonomia, non certo per dare la firma a un governo fotocopia, che è quello che mi pare venga chiesto". Dal Veneto al sud non sembra cambiare la posizione dei leghisti a capo di amministrazioni comunali: "Io non l'ho firmato - dice il senatore Guglielmo Pepe, primo cittadino di Sindaco di Tolve, provincia di Potenza - fra l'altro quel testo non l'ho neanche ricevuto". "In ogni caso io sottoscrivo quanto detto dal mio segretario - spiega all'AdnKronos - è ora di finirla con i teatrini, siamo pronti a fare quanto serve per il bene del paese".

Linea comune anche per altri colleghi con il doppio incarico. Virginio Caparvi, sindaco di Nocera Umbra e eletto alla Camera non vuole parlarne: "Aspettiamo la riunione con il segretario Salvini", dice con riferimento al meeting convocato per domani sera alle 20.30 negli uffici della Lega alla Camera. A fare il punto con il segretario Matteo Salvini ci saranno la decina di parlamentari che rivestono anche il ruolo di sindaci. Pure Arianna Lazzarini, sindaco di Pozzonovo fa sapere di non aver raccolto l'invito lanciato dai sindaci di Firenze e di Torino, Dario Nardella e Stefano Lo Russo. Stessa posizione per Gemano Racchella, deputato e sindaco di Cartigliano, nel vicentino, che non firmerà, almeno per ora: "Attendo - spiega - per disciplina di partito, indicazioni dal segretario Salvini".

Anche i governatori di Forza Italia, a quanto si apprende, non sarebbero intenzionati a firmare l'appello dei sindaci pro Draghi bis perché non vogliono strumentalizzare le istituzioni, ma sono in piena sintonia con la linea del partito, ovvero, sono pronti a rinnovare il loro sostegno al premier che può andare avanti senza i cinque stelle 'contiani'. I presidente di Regione azzurri sono: Roberto Occhiuto (Calabria), Vito Bardi (Basilicata); Alberto Cirio (Piemonte) e Donato Toma (Molise).

L'unico a parlare è Toma che spiega all'Adnkronos le ragioni per cui non ha voluto aderire a iniziativa primi cittadini: ''Io per ora non firma nulla, non ho ricevuto nessuno stimolo a firmare dal partito e non sottoscrivo nulla.. Io -spiega- condivido la posizione del partito: Draghi può continuare ma non è possibile governare con questi Cinque stelle".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli