Crisi governo, Lega tra 'basta a M5S-Pd' e 'via Conte e restiamo'

(Adnkronos) - La "stima per Draghi" e l'incertezza della situazione visto che "ancora non sappiamo se andremo al voto o no". Aprendo l'assemblea con i gruppi parlamentari, Matteo Salvini, dopo l'applauso collettivo dei quasi 200 senatori e deputati della Lega, non mette sul tavolo le sue carte, la 'soluzione' alla crisi di governo. Anzi: "Sono qui soltanto per ascoltarvi", dice rivolto ai parlamentari presenti in massa nella nuova auletta dei gruppi alla Camera. Che prendono la parola ad uno ad uno. Emerge una Lega su due posizioni, tra chi chiede di fare uno sforzo e proseguire con Conte, senza i Cinque Stelle, e qualcuno che pensa già al voto "perché non ne possiamo più non solo di Conte ma anche del Pd".

Dai due capigruppo si riportano a Salvini gli umori dei parlamentari del Carroccio: Molinari pare propendere per il voto, Romeo accenna anche all'ipotesi di andare avanti "ma senza i Cinque Stelle". "È un triste teatrino che blocca il Paese - filtrano dall'assemblea le parole dei due - troppo spesso ostaggio di irresponsabili e voltagabbana che negli ultimi mesi di legislatura vorrebbero coltivare il proprio interesse personale anziché l’interesse del Paese reale. Non è quello che merita il Presidente Draghi, ma soprattutto non è quello che merita l’Italia”.

Salta il turno invece Giancarlo Giorgetti, che invitato da Molinari fa sapere che non intende intervenire "perché al solito poi vengono travisate le mie parole". Il riferimento sembra ai media, ma qualcuno coglie un clima non proprio 'governista' che forse spinge il ministro per lo Sviluppo economico a non esporsi troppo.

Netto l'altro vicesegretario Lorenzo Fontana, che vede solo due strade e lo dice chiaramente: o si fa un governo forte senza i Cinque Stelle o si vada al voto. "Non dobbiamo accettare di vivacchiare", dice il fedelissimo di Salvini. "Ascoltiamo gli italiani, fidiamoci di loro e non affidiamo il futuro del Paese a chi pensa solo alla poltrona", conclude l'ex ministro della Famiglia. Anche il terzo vicesegretario Andrea Crippa attacca duro Conte.

Il sentiment che prevale però non è solo quello contrario ai Cinque Stelle: emerge insofferenza "per un Pd che continua a parlare di Ius Soli e immigrazione, di droga libera e Ddl Zan, mentre per la Lega e gli italiani le priorità sono lavoro, pensioni, ambiente e sicurezza", spiega un parlamentare. Nei primi interventi di deputati e senatori emerge una domanda: "Un Parlamento in ostaggio di decine di cambiatori di partito, quali riforme e certezze può assicurare?". Nel mirino finiscono i ministri Speranza e Lamorgese. "Con ministri come loro come si possono fare cose buone per gli italiani?", domanda tra applausi scroscianti il deputato bolognese Guglielmo Golinelli, che però non nega che si possa continuare, in qualche modo, l'esperienza di governo, "magari con un rimpasto". Non manca chi si schiera per proseguire l'attività di governo, "senza il fardello del M5S". Una proposta che accomuna molti interventi.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli