Crisi governo, tensioni in assemblea M5S: governisti nel mirino

(Adnkronos) - Clima a tratti teso nel corso dell'assemblea congiunta M5S di questa mattina. La maggioranza dei parlamentari intervenuti si è schierata nettamente a favore della linea del leader pentastellato Giuseppe Conte, ma non sono mancati appelli a sostegno della fiducia al governo presieduto da Mario Draghi. Una crepa, quella tra 'contiani' e 'governisti' che rischia di allargarsi sempre di più e di produrre una nuova frattura interna al M5S dopo la scissione di Luigi Di Maio.

Intanto un nuovo rinvio, l'ennesimo, è arrivato per l'assemblea congiunta dei gruppi parlamentari M5S. La riunione, in video-call, iniziata ieri sera e ricominciata questa mattina alle 10.30 slitterà a domani, con orario da definire. I lavori sarebbero dovuti riprendere oggi pomeriggio alle 18, poi c'è stato uno spostamento alle 20. Alla fine, si è deciso per un aggiornamento a domani pomeriggio.

Cosa è successo

Sono stati solo una quindicina, riferiscono fonti stellate vicine ai vertici, gli eletti intervenuti a favore di un voto della fiducia a tutti i costi, su oltre 60 interventi. Tra chi, in mattinata, ha preso la parola appoggiando la relazione del presidente Conte: Torto, Buompane, Bella, Gallo, Silvestri, Salafia, Cubeddu, Manzo, Baldino, Currò, Scerra, Tuzi, Lomuti, Lupo, Pellegrini, Salafia, Ciprini, Santangelo, Liuzzi. E ancora: Naturale, Gaudiano, Castellone, Melicchio, Migliorino, Guidolin, Raffa, Pisani, Scutellà, Penna, Papiro, Fede, Brescia, Tripiedi, Santillo. Hanno invece espresso forti perplessità (se non addirittura una netta contrarietà) sull'ipotetica uscita del M5S dalla maggioranza: De Lorenzis, Martinciglio, Pignatone, Soave Alemanno, Sut, Barbuto, Invidia, Cimino, Tripodi, Azzurra Cancelleri, D'Incà, Grillo, Lorenzoni, Dieni e D'Arrando. La ripresa dell'assemblea è stata rinviata alle 20 ma non si esclude che possa slittare anche a domattina.

Durante la riunione in video-conferenza iniziata alle 10.30 i toni si sono surriscaldati quando - apprende l'Adnkronos - la senatrice Giulia Lupo ha puntato il dito contro i "tiratori scelti" che a suo dire starebbero destabilizzando il M5S dall'interno: "Rispetto le idee di tutti, ognuno fa le sue scelte. Ma se lo specchio non può sputarvi, allora forse potrebbe iniziare a farlo qualcuno di noi...", le parole al vetriolo della parlamentare contiana.

Secondo quanto viene riferito, più di qualcuno avrebbe apostrofato i governisti con un esplicito "un abbraccio ai traditori". Tra i più bersagliati dalle critiche ci sarebbe Maria Soave Alemanno (membro del direttivo grillino alla Camera e delegata d'Aula) che non a caso ieri è stata una delle prime a manifestare la sua intenzione di continuare ad appoggiare il governo Draghi. Nel mirino di alcuni contiani anche il capogruppo Davide Crippa: "In Consiglio nazionale devi rappresentare il pensiero della maggioranza e non portare la tua opinione personale", l'accusa indirizzata al presidente dei deputati, contrario all'ipotesi di innescare una crisi di governo. Particolarmente 'duri' nei confronti dei filo-governativi sono stati gli interventi di Leonardo Donno, Sebastiano Cubeddu e Gilda Sportiello.

"E' un clima da caccia alle streghe", si sfoga con l'Adnkronos un parlamentare, "è impossibile esprimere un'opinione in dissenso senza essere tacciati di essere dei pupazzi di Di Maio". Qualcuno in chat arriva a evocare metodi da repressione fascista verso i dissidenti. Ad ogni modo la bilancia del consenso interno pende dalla parte di Conte: "46 parlamentari intervenuti finora sono sulla linea del leader, 19 sono per dare la fiducia a Draghi, 3 gli indecisi", spiega un eletto contiano 'armato' di pallottoliere. Ma la partita è ancora lunga.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli