La crisi dei migranti è stata provvidenziale per Varsavia

·2 minuto per la lettura

AGI - A volte le crisi possono aiutare, e la crisi alla frontiera con la Bielorussia arriva in un momento quanto mai opportuno per il partito polacco al governo, Legge e Giustizia (PiS).

Migliaia di migranti, di origine per lo più mediorientale, sono ammassati al confine e stanno cercando di oltrepassare la barriera di filo spinato che separa il territorio tra Polonia e Bielorussia.

La crisi va avanti da inizio estate, ma in questi giorni ha raggiunto l'acme: è stata creata artificialmente dal regime di Lukashenko che ha architettato la rappresaglia per le sanzioni imposte dall'Ue alle politiche illiberali e liberticide varate a Minsk dopo le proteste per i risultati delle elezioni presidenziali dello scorso anno. 

Crisi opportuna dopo le tensioni con l'Ue

Eppure questa crisi è quanto mai opportuna per il partito nazionalista al governo in Polonia, un governo sotto pressione tanto sul fronte interno ed esterno: è una boccata d'ossigeno che serve a distogliere l'attenzione dell'opinione pubblica.

Non a caso gli sforzi di Varsavia di difendere il confine che separa l'Unione europea dall'ultima dittatura del Vecchio Continente stanno ottenendo il sostegno anche di governi e istituzioni con cui la Polonia è stata letteralmente ai ferri corti, perchè accusata di esser arretrata sul fronte della democrazia e dello Stato di diritto.

Approccio morbido

Non solo: la Polonia, membro dell'Ue e della Nato, negli ultimi tempi è stata anche duramente criticata per la sua retorica sulla migrazione.

Ma le ultime ore suggeriscono un ammorbidimento dell'approccio: dalla Commissione europea alla Nato, dai Paesi Bassi alla Germania, tutti hanno espresso solidarietà a Varsavia. La presidente della Commissione Ursula von der Leyen ha voluto parlare con il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki per esprimergli sostegno.

La Germania ha esortato l'Ue ad "agire": "La Polonia o la Germania non possono farcela da sole", ha detto il ministro dell'Interno ad interim Horst Seehofer, aggiungendo che "i polacchi stanno svolgendo un servizio molto importante per tutta l'Europa”. Persino la Nato, con il segretario generale, Jens Stoltenberg, ha voluto telefonare al presidente polacco, Andrej Duda, per esprimergli "solidarietà".

Il fronte interno

E non basta: perché la crisi aiuta il PiS anche sul fronte interno. Solo sabato migliaia di persone hanno marciato nelle strade di tutto il Paese per protestare contro l'inasprimento delle leggi sull'aborto (proteste seguite alla morte di una giovane donna a cui i medici avevano volontariamente ritardato l'aborto). La crisi dunque serve a distogliere l'attenzione dell'opinione pubblica. Anche perché i partiti di opposizione si trovano in una difficile situazione, quella di non sapere quale linea scegliere: alcuni esponenti, preoccupati dalla situazione umanitaria delle persone intrappolate al confine, hanno chiesto più generosità, altri si sono persino spinti fino alla zona di confine chiusa per cercare di aiutare i migranti. E' stato gioco facile, dunque, per i media di Stato polacchi, diventati essenzialmente un megafono del PiS, accusarli di "sostenere i migranti e Lukashenko".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli