Cristiano Ronaldo dice addio alla Juve e vola al Manchester United

·1 minuto per la lettura

AGI - L'ufficialità è arrivata: Cristiano Ronaldo è un nuovo giocatore del Manchester United, il club dove si è affermato a inizio carriera, dopo gli esordi allo Sporting Lisbona. L'indizio decisivo quando dal centro sportivo della Continassa, con il centravanti che non ha preso parte all'allenamento mattutino in vista della gara contro l'Empoli.

Qualche ora dopo è stato mister Massimiliano Allegri a ufficializzare il divorzio. "Ho parlato con Cristiano Ronaldo che mi ha comunicato che non ha intenzione di rimanere e  non sarà convocato, non si è allenato".

Si conclude quindi, dopo tre anni, l'avventura bianconera del portoghese, arrivato alla Juventus nel luglio 2018, accolto da migliaia di supporter bianconeri.  Il palmares finale è di tutto rispetto: 101 gol in 134 presenze, due Scudetti, una Coppa Italia e due Supercoppe italiane.

Più ombre che luci, invece, in Europa, con la Juventus che, nonostante l'apporto di Cr7, negli ultimi tre anni non ha mai superato lo scoglio dei quarti di finale. Troppo poco per ripagare un investimento senza precedenti per le casse bianconere.

Ronaldo ha lasciato Torino con un volo privato decollato da Caselle. Qualche ora dopo ha affidato ai social un videomessaggio destinato ai suoi ex tifosi: "Lascio un club fantastico, il più grande in Italia e di certo uno dei più grandi di tutta Europa. Ho dato cuore e anima per la Juventus e amerò per sempre la città di Torino fino al mio ultimo giorno.

I tifosi bianconeri mi hanno sempre rispettato e ho provato a ripagare quel rispetto dando sempre tutto in ogni partita, ogni stagione, ogni competizione. Alla fine, tutti noi potremo guardarci indietro e realizzare che abbiamo ottenuto grandi cose; non tutto quello che volevamo, ma comunque abbiamo scritto insieme una storia molto bella".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli