Croazia: "Derisi se si indossava la mascherina": il racconto di Filippo e Federico

·1 minuto per la lettura
Isola di Pag derisi
Isola di Pag derisi

“Ti prendevano in giro se indossavi la mascherina”, questo è ciò che hanno raccontato Filippo e Federico, due ragazzi che sono stati contagiati durante la loro vacanza in Croazia, e precisamente all’Isola di Pag, nota località dove già altri giovani sono stati contagiati proprio durante le loro vacanze. Lì la situazione era meno allarmistica, in ogni senso, così hanno dichiarato i due ragazzi che hanno rilasciato l’intervista al Resto del Carlino.

GUARDA ANCHE - Ferragosto in era Covid, i sindaci corrono ai ripari

All’Isola di Pag, due ragazzi derisi

“La mascherina, non sempre è obbligatoria. In molti locali era a discrezione del proprietario”, hanno proseguito Filippo Pasini (19 anni) e Federico Bianco (18 anni). Una dichiarazione che dà molto da pensare anche rispetto ad altri casi di ragazzi rimasti contagiati una volta rientrati da quelle zone. Sempre secondo quanto riporta il resto del Carlino, tutto ha avuto inizio da un loro amico che è stato contagiato. Da lì in poi la rinuncia a proseguire per Zante, dove la situazione era addirittura più rischiosa. “Non siamo partiti con i paraocchi, fregandocene di tutto”, hanno puntualizzato.

Una situazione che ha iniziato a degenerare

Sempre più ragazzi, specie nella fascia 18-25, risultano positivi al tampone dopo essere rientrati dalle vacanze in Grecia, Croazia, o ancora Malta. In particolare all’Isola di Pag, già qualche settimana fa, due ragazze venete di 18 anni sono risultate positive in seguito ad un viaggio assieme ad una ventina di ragazzi tutti della stessa età.

Nel frattempo, il ministro della salute Roberto Speranza, ha annunciato di aver firmato un’ordinanza che obbliga chi rientra dalle vacanze da uno di questi tre Paesi di sottoporsi al tampone.