Crollo in galleria sull’A26 chiuso tratto tra Masone e Genova

crollo galleria genova

Terribile la notizia che giunge dalla Liguria, dove si è staccata una parte del soffitto di una galleria a tre corsie dell’A26, fra Ovada e Masone. Fortunatamente nessun veicolo è stato colpito e non ci sono feriti. L’autostrada, al momento, è chiusa.

Crollo in una galleria dell’A26

Come comunicato dal Comune di Rossiglione poco fa attraverso il proprio profilo Facebook, l’autostrada A26, in direzione sud, è al momento chiusa in seguito al crollo avvenuto in galleria. “Prestate massima attenzione sulla A26! La prima galleria dopo Masone, verso Genova, è investita da materiale! Autostrada in direzione Sud in chiusura con obbligo di uscita a Masone, ad eccezione dei mezzi pesanti che rimangono in coda”. Sono queste le parole utilizzate dal Comune di Rossiglione per avvisare gli utenti.

Sempre sui social sono già apparse le prime foto di quanto accaduto. Alle ore 18.45, inoltre, un Tweet del Ministero dei Trasporti segnalava una perdita di carico sempre nella stessa zona: “A26 Genova-Gravellona Toce rampa di accesso chiusa causa perdita di carico a A26 Svincolo Masone (Km 15,5) in entrata in entrambe le direzioni dalle 18:43 del 30 dicembre 2019”. Si tratterebbe, però, di un altro incidente avvenuto poco lontano. Fortunatamente non vi sono feriti, ma sicuramente si tratta di un episodio da non dover prendere alla leggera.

Mentre sull’A26 avveniva il crollo a Genova, l’ad di Autostrade Roberto Tomasi era a colloquio con il presidente della Regione Toti, il sindaco Bucci e il presidente del porto Signorini. La visita era stata programmata dopo i giorni di code chilometriche registrati fra Genova e il ponente sull’A10 e sull’A26 per via dei vari cantieri aperti da Aspi. Un campagna di interventi conseguente allo scandalo dei falsi report scoperto dalle inchieste della procura di Genova che sta svolgendo le indagini sul crollo del ponte Morandi