Crollo Genova, Mattarella: un anno non passato invano

Bac

Roma, 14 ago. (askanews) - Nel giorno del primo anniversario del crollo del Ponte Morandi, il presidente della Repubblica Sergio Mattarella scrive sulle pagine del Secolo XIX. "Ci separa da quel tragico avvenimento - afferma - un anno che non è trascorso invano".

"Un progetto di nuovo ponte, lineare, solido e bellissimo, è pronto e già - sottolinea - sono stati avviati lavori per la sua costruzione. Il nuovo ponte sarà in grado di ricucire, anzi, per usare un termine caro a Piano, di 'rammendare' la ferita inferta dal crollo, riconnettendo una città spezzata, non solo materialmente, in due".

Questo, però, "non significa cancellare", aggiunge Mattarella, perché il nuovo ponte "ricorderà per sempre quelle vittime innocenti, sepolte dalle macerie di una tragedia, causata dall'uomo, che si poteva e doveva evitare. Nulla può estinguere il dolore di chi ha perso un familiare o un amico a causa dell'incuria, dell'omesso controllo, della colpevole superficialità, della brama di profitto".